Che significa mangiare biologico? Natura e salute nell’alimentazione biologia. Ecco cosa è importante sapere

Come riconoscere un vero prodotto biologico | Non sprecare

Se pensate che l’uso di prodotti dell’ ecobiocosmesi abbiano un effetto benefico sulla nostra pelle, immaginate il consumo di cibo biologico quanti effetti decisamente positivi possa avere sulla nostra salute poiché privi di tossine e ricchi di sostanze curative e protettive per il nostro corpo. Influiranno positivamente sul cervello, sulle attività metaboliche e sulle nostre aspettative di vita.

Ecco perchè molti di noi hanno fatto un’ importante scelta per quanto riguarda l‘alimentazione, abbandonare cioè i cibi fuori stagione, evitare quelli imbustati soprattutto se si tratta di verdure e frutta e passare al consumo di prodotti biologici.

Biologico è tutto ciò che ha a che fare con il nostro benessere e il nostro ambiente. Sì, perchè i prodotti bio sono proprio quelli naturali che si producono senza utilizzare sostanze chimiche ma rispettando i cicli della terra.  

Per chi mangia carne o derivati, anche gli allevamenti biologici offrono prodotti migliori per la nostra salute perchè hanno buoni valori nutrizionali e sono privi di pesticidi o ormoni. 

Come riconoscere i prodotti biologici

FederBio. Il biologico italiano in movimento

Secondo le norme definite dalla Unione Europea, perché un prodotto possa definirsi biologico, è necessario che abbia determinate caratteristiche e che, una volta sottoposto a controlli, rispetti gli standard richiesti dagli enti certificatori e dalle piattaofrme per la tracciabilità dei prodotti bio. In questo modo è più facile evitare le frodi.

Quando facciamo la spesa occorre sempre guardare bene cosa stiamo comprando. Un prodotto biologico si riconosce dalla sua etichetta: ad esempio allevamento Biologico/Regime di controllo CEE o Agricoltura Biologica e tutte quelle informazioni che definiscono la cosiddetta “tracciabilità”. Senza questa dicitura, il prodotto non è cibo biologico.

La tracciabilità è paragonabile alla carta d’identità, ossia l’insieme delle informazioni che rendono possibile la conoscenza del percorso di produzione di un alimento: si possono riconoscere i paesi di provenienza, i vari enti certificatori, i codici delle aziende, le date di raccolta, le produzioni e le macellazioni.

Inoltre, cosa non meno importante, è che i prodotti biologici non sono mai distribuiti in contenitori di plastica o di altro materiale sintetico.